Il meglio del Web
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio
Web Links


Bici da Corsa
La storia, le caratteristiche e gli accessori della bici da corsa che da anni appassiona gli esperti, protagonista di coinvolgenti gare ciclistiche.
-
Tutto Bici
Produttori e rivenditori della bicicletta in Italia - marche e caratteristiche - riparazioni - noleggio - manutenzione - ciclismo - cicloturismo.
-
Velocipede
Produttori e venditori di biciclette in Italia - la scienza del ciclismo, UCI - Unione Internazionale, Ciclismo amatoriale, Ciclismo femminile, ecc.
-
Bici Corsa
Produttori e rivenditori di biciclette da corsa - professionisti e dilettanti - corse - Tour de France - Giro d'Italia - ciclismo amatoriale e cicloamatori - Bartali, Pantani, Cipollini, etc...
-
Tandem
Il portale dellebiciclette in Italia. Tutti i produttori e i venditori. Circa 4.900 visite Biciclette nuove ed usate. MOUNTAIN BIKE. CITY BIKE. TREKKING BIKE. ROAD RACING BIKE. TANDEM. BICI DA CORSA. Articoli ed abbigliamento per il CICLISMO.


Le innovazioni di fine '800

Il pneumatico ed il telaio a trapezio

Le gomme della bicicletta erano inizialmente piene e dunque pesanti.
Già nel 1871 era stata brevettata dall'inlese Macintosh una gomma semi- pneumatica, ma non venne poi applicata al biciclo.

Nel 1888 il veterinario scozzese J.B. Dunlop applicò la gomma pneumatica alla bicicletta: egli cercava di ridurre l'attrito e gli scossoni del triciclo di suo figlio. Pertanto provò a sostituire le
gomme piene con tubi di gomma elastica, gonfiati leggermente con una siringa di vetro: erano nati i primi pneumatici.

Dunlop, soddisfatto dell'invenzione, propose alla squadra di ciclisti del luogo di utilizzare ruote simili: la squadra vinse una gara di ciclismo il che lanciò la nuova ruota a pneumatico sul mercato.
Il successo di Dunlop fu così grande che egli lasciò la sua professione di veterinario ed aprì una fabbrica di pneumatici, la Dunlop pneumatic Tyre Co.
Grazie ai pneumatici il peso delle gomme si riduce notevolmente ed inoltre si ammortizzavano gli sbalzi del mezzo sulla strada.

Nel 1891 i fratelli francesi  Andrè e Eduard Michelin, produttori locali di articoli in gomma, ebbero sperimentarono l'utilizzo di un nuovo pneumatico: esso era diviso il in due parti: un tubo
in caucciù a cui era stata applicata una valvola, il quale veniva inserito in un altro tubo,  più spesso e resistente,  che poteva essere facilmente staccato dal cerchione (la parte metallica centrale della ruota):
sono i primi copertoni smontabili che venivano attaccati alla ruota con due fili di acciaio.

Ciò portò numerosi vantaggi poiché, nel caso di una gomma forata dunque, era sufficente estrarre il tubo interno- cioè la camera d'aria- e rattoppare il buco o eventualmente sostituirlo.
Nel 1892 il Milanese Giovan Battista Pirelli introduce una grande novità nel mondo dei pneumatici, cioè la copertura a tallone: la gomma  è semplicemente appoggiata o megli incastrata all'interno di un cerchione concavo. E' nata la moderna ruota per la bicicletta.

Ma vediamo ora le altre innovazioni apportate al biciclo.
La catena di trasmissione nel corso degli anni era stata perfezionata e permetteva un numero di pedalate inferiori rispetto a quelli della ruota: è il cosidetto 'rapporto'.
Ciò è dovuto al fatto che il numero di denti ? su cui corre la tatena-applicati alla ruota sono maggiri di quelli applicati al pedale.

Tra il 1885 alla fine del 1887 il telaio del nuovo 'bicicletto'era costruito a forma di croce.
Il mezzo in questo modo non aveva però la resistenza e la rigidità necessaria per ammortizzare lo le pedalate e di conseguenza spesso avveniva che fuoriuscisse o si rompesse la catena
I costruttori allora tentatono di rinforzare il telaio due stecche o tiranti sottili di ferro.
Queste bachette sono visibili ad esempio nel modello inglese Singer del 1885-86.
Nonostante queste ulteriori applicazioni il bicicletto non era sufficientemente stabile pertanto
altri costruttori pensarono di eliminare il tubo incrociato che univa la sella con il pedaliere e lo sostituirono con il telaio a trapezio -o diamante- il cui primo esempio era apparso nel 1886 all'Esposizione Internazionale del Velocipede di Londra.

Si trattava del  modello inventato nel 1885 dall'nglese John Kemp Starley che lo aveva chiamato
appunto Safety (sicurezza).
Contemporaneamente vennero introdotti i tricicli e i tandem per facilitare gli anziani e le donne- che ricordiamo inizialmente non potevano indossare i calzoni e pertanto erano svantaggiate nei movimenti.

lebiciclette.it

La bicicletta è oggi un mezzo conosciuto da tutti ma pochi conoscono l'evoluzione di questo mezzo nel corso dei secoli. In questo sito tratteremo le tappe fondamentali e le innovazioni che hanno portato alla bici contemporanea
Argomenti

Il portale della Bicicletta
I primi Bicicli a Pedali
Le innovazioni di fine '800
Le bici moderne